martedì, Aprile 13, 2021
Storie di solidarietà: una raccolta fondi per Martina nella sua crescita

Storie di solidarietà: una raccolta fondi per Martina nella sua crescita

I soldi andranno alla famiglia della bambina per aiutarla nel suo futuro

Una raccolta di fondi nata in modo spontaneo, sui social, per «regalare un futuro alla bimba»: Martina, figlia di cinque anni, della coppia morta in un incidente in montagna in Val Camonica.

La bambina era andata in montagna con i genitori, Fabrizio Martino Marchi, di 40 anni, e la mamma Valeria Coletta, di 35. La coppia milanese è precipitata nel vuoto attorno alle 13 e l’intervento dei soccorritori e delle forze dell’ordine si è concluso per le 17. Quando Valeria Coletta è scivolata sul giaccio e il marito è caduto nel vuoto nel tentativo di salvarla, il gruppo stava affrontando un sentiero che, per un macabro e triste scherzo del destino, porta al Salto degli sposi, un belvedere a dieci minuti a piedi dal Passo della Presolana.

L’iniziativa solidale è stata lanciata in mattinata sulla piattaforma «GoFundMe» da un’amica storica della coppia, Marlene Martinelli, e si propone di raggiungere la cifra di 50 mila euro: al momento, in poco più di cinque ore, ne sono stati donati più di 9mila da oltre 180 donatori.

«Un percorso di vita interrotto da un tragico incidente, due vite spezzate all’improvviso senza un motivo, che lasciano un vuoto incolmabile. Fabry e Vale stavano costruendo, programmando e progettando un futuro radioso per la loro famiglia e la loro bambina.

Questa raccolta – si legge sulla pagina dedicata al crowdfunding – nasce per continuare a perseguire la missione di vita di Fabry e Vale, regalare a Martina un futuro felice esattamente come i due genitori avrebbero voluto fosse».

Ma per trasparenza gli organizzatori della campagna spiegano anche che «tutto il ricavato verrà devoluto alla famiglia ed utilizzato per sostenere la figlia della coppia, Martina, nel suo percorso di vita. Servirà per aiutarla ad avere il miglior supporto per affrontare questa situazione ed un futuro migliore». In più, «l’invio della somma sarà documentato e postato sui social, così da dimostrare la buonafede di questa raccolta nata velocemente per far fronte a questa triste tragedia».

Il denaro raccolto andrà alla nonna paterna, che ora accudirà la bambina. “Ho conosciuto Valeria e Fabrizio quasi 10 anni fa ed è stato un rapporto che è cresciuto giorno per giorno, fino al momento in cui le nostre famiglie si sono ampliate ed abbiamo avuto due bambine che sono cresciute insieme e si sono legate sempre di più. Fabrizio e Valeria sono stati due figure di riferimento nella mia vita e mi hanno aiutata in molti momenti difficili. Hanno preso a cuore mia figlia come fossero degli zii e mi hanno protetta e sostenuta sempre. Sono diventati amici, confidenti, famiglia, e sarebbero stati a breve i miei testimoni. Nel corso degli anni ho conosciuto ogni membro della loro famiglia e sono sicura che Martina sarà circondata da Amore nella sua crescita. Questa raccolta fondi nasce dalla più limpida delle motivazioni, la volontà di aiutare Martina nella sua crescita e dalla consapevolezza che la coppia avrebbe fatto lo stesso per proteggere mia figlia”, scrive Marlene.

Seppur un contributo economico non possa lenire il dolore di una simile tragedia, poter contribuire ad alleviare qualsiasi preoccupazione economica è tutto ciò che tutti noi possiamo fare e desiderare per la famiglia travolta da questo dramma”.

fonte foto: Brescia Today

Sociale Storie di solidarietà

Da non perdere